Medicina

Marijuana GM

Un articolo di una prestigiosa rivista americana , New Scientist, ci racconta come la marijuana geneticamente modificata inizia oltreoceano ad essere una realtà.

Ho tradotto l’articolo ma in fondo alla pagina potete leggerlo sul sito originale.

Sostanze contenute nella marijuana prodotte con lievito GM (geneticamente modificato) potrebbero aiutare l’epilessia.
Un componente non psicoattivo chiamato cannabidivarin che si trova nelle piante di marijuana ha mostrato risultati promettenti nel trattamento dei casi gravi di epilessia.
Tuttavia per trattare circa il 10% delle persone malate di epilessie bisognerebbe avere circa 1500 tonnellate di CBDV puro. Per ottenere questo quantitativo utilizzando i metodi attuali, sarebbe necessario piantare grandi quantità di marijuana ed estrarre la loro piccola scorta di CBDV.

“C’è così poco di questa sostanza chimica nelle piante che sarebbe davvero impossibile raccoglierla con mezzi tradizionali” dice Kevin Chen, che gestisce Hyasynth Bio, una start-up a Montreal, in Canada.

Ecco perché l’azienda si è rivolta all’agricoltura cellulare, in cui le colture sono costituite da colture cellulari.
Ha aggiunto un frammento di DNA di cannabis responsabile del CBDV nel DNA del lievito, che trasforma il lievito in piante di produzione CBDV.
Ciò consente una creazione rapida e su larga scala della CBDV senza alcuna preoccupazione per la coltivazione della marijuana.
“Può essere molto inefficiente estrarre questi composti dalle piante”, dice Tom Williams alla Macquarie University in Australia, “E questo può consumare molte risorse preziose come terra e fertilizzanti.”
Il lavoro è stato presentato questo mese alla conferenza New Harvest a New York.
Una volta ottimizzato, l’uso di microbi come il lievito renderà la produzione di composti come CBDV efficiente e conveniente, afferma Williams.

“Può essere molto inefficiente estrarre questi composti dalle piante.
E questo può consumare molte risorse preziose come terra e fertilizzanti.”Tom Williams
Applicazioni mediche.

Le applicazioni mediche potrebbero essere molto grandi.
L’epilessia colpisce circa 50 milioni di persone in tutto il mondo e quelli a cui è diagnosticata hanno tre volte più probabilità di morire prematuramente. Circa il 30% dei malati di epilessia non risponde ai trattamenti disponibili.
GW Pharmaceuticals sta conducendo studi clinici sui trattamenti CBDV per l’epilessia, e Chen dice che diverse case farmaceutiche sono state in contatto con Hyasynth Bio.
Ma il CBDV è solo una delle dozzine di cannabinoidi nella pianta di cannabis. Se venissero scoperte più applicazioni mediche per queste, la produzione basata sul lievito potrebbe generarle rapidamente.
“Molti o tutti i prodotti vegetali naturali utilizzati nell’industria farmaceutica saranno alla fine prodotti con questa tecnologia”, afferma Kristy Hawkins, fondatrice del produttore di biocarburanti di San Francisco, Antheia. “È solo questione di tempo.”
Per non parlare dell’uso più comune della pianta.
Chen ha detto alla conferenza di New Harvest che Hyasynth Bio è anche aperta allo spostamento nel campo della marijuana ricreativa. E siccome il Canada è pronto a diventare il secondo paese al mondo a legalizzare l’uso di marijuana a livello nazionale, potrebbe esserci una discreta quantità di domanda per il THC prodotto con lievito.
“Sono felice di finire la conferenza con una notizia positiva”, ha detto Chen.


Qui l’articolo originale.

Leave a Comment

Categorie